Un padre senzatetto viveva in macchina con la figlia di dieci anni: la polizia ha deciso di aiutarlo

Poiché la vita è inaspettata, ci sono momenti in cui siamo spinti in una serie di difficoltà che sembrano non finire mai. Ma c’è sempre speranza, anche nelle peggiori circostanze.

Ne è prova l’esperienza di Mr. James Schweihard, un padre single americano di 41 anni che era finito a vivere per strada con la figlia di 10 anni.

James è stato in grado di trovare un barlume di speranza e una vita migliore con l’aiuto della generosità degli estranei e della sua comunità.

James e sua figlia si erano trasferiti in Colorado e vivevano in un furgone lì dopo numerosi tentativi falliti di trovare lavoro e un posto dove vivere in Oklahoma.

L’agente Butler è arrivato per condurre un’indagine dopo che gli insegnanti di sua figlia si erano lamentati con la polizia delle sue condizioni di vita.

Nonostante la sua preoccupazione iniziale di poter perdere la custodia di sua figlia, James ha ricevuto inaspettatamente assistenza dalla polizia,

che ha riparato il suo furgone gratuitamente e ha fatto sapere agli altri che avrebbero potuto aiutarlo a trovare un nuovo lavoro e un posto dove vivere.

La risposta del quartiere è stata sorprendente, con praticamente tutti i proprietari di case che hanno donato denaro, articoli per la casa e forniture di emergenza.

La fiducia di James nell’umanità è stata ripristinata dalla generosità degli estranei, che gli hanno anche fornito l’incoraggiamento di cui aveva bisogno per rimettersi in piedi.

James è stato in grado di iniziare un nuovo capitolo della sua vita con l’aiuto di cinque offerte di lavoro e una piccola casa con un affitto ragionevole.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Un padre senzatetto viveva in macchina con la figlia di dieci anni: la polizia ha deciso di aiutarlo
La bambina che sembrava incinta di 8 mesi a causa di una malattia letale è salvata grazie alla donazione di rene del papà