L’uomo italiano vive da solo sull’isola da 30 anni: può essere definito un eremita volontario

Nel 1989 Mauro Morandi ha deciso di prendersi una pausa dal lavoro e dedicarsi allo yachting. Ha comprato un catamarano economico ed è andato in Polinesia per viaggiare.

Ben presto il motore della barca si è rotto e la breve vacanza è diventata un nuovo stile di vita: Mauro ha trascorso i successivi 30 anni su un’isola deserta.

L’isola di Budelli fa parte di un grande arcipelago e non si può definire un luogo completamente deserto per migliaia di chilometri intorno.

Ma come per ironia della sorte, il catamarano di Mauro è atterrato proprio qui, in un luogo dove non c’era una sola persona.

I primi mesi sono stati difficili, ma dopo sei mesi la prima nave è entrata nell’isola e Mauro è riuscito a riparare il catamarano.

Un altro avrebbe immediatamente stabilito la rotta e sarebbe tornato indietro, ma l’italiano ha deciso diversamente.

Non è tornato irrevocabilmente sulla terraferma, ma ha invece effettuato un breve volo verso l’isola centrale dell’arcipelago e si è portato tutto ciò di cui aveva bisogno.

“Pensavo di non poter sopportare di stare da solo. E poi ho cominciato a divertirmi”, ha detto Mauro.

Mauro Morandi può essere definito un eremita volontario. Può tornare in società in qualsiasi momento, semplicemente non lo vuole davvero.

Ora Mauro permette agli amici di venire sull’isola, ha anche internet satellitare e telefono. Forse, prima o poi, l’uomo cambierà idea e si trasferirà sulla terraferma.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

L’uomo italiano vive da solo sull’isola da 30 anni: può essere definito un eremita volontario
Come un uomo che ha vissuto in un polmone d’acciaio per 70 anni è diventato avvocato