Ho rifiutato di permettere ai medici di spegnere il supporto vitale di mio figlio prematuro

La determinazione incrollabile di una madre nel sostenere suo figlio neonato serve da ispirazione per i genitori con bambini gravemente malati.

Nato prematuro di 4 mesi e affrontando una battaglia ardua per la sopravvivenza, Jibreel ha dovuto lottare per la sua vita. E sua mamma, Nicole Dib, è stata sempre al suo fianco.

È rimasta ferma mentre assisteva i medici che si sforzavano incessantemente di mantenere in vita il suo neonato per un estenuante periodo di 5 mesi in terapia intensiva neonatale.

Jibreel era entrato nel mondo pesando appena 0,8 kg.

Durante questo difficile percorso, Nicole e suo marito, Youssef, si sono trovati di fronte alla struggente scelta di staccare il supporto vitale in 5 occasioni.

Nonostante la fragile condizione di Jibreel e i ripetuti contrattempi, la loro perseveranza illimitata li ha spinti avanti.

La madre di 32 anni e suo marito si sono trovati di fronte alla straziante decisione di spegnere il supporto vitale per il loro piccolo bambino mentre la sua condizione continuava a peggiorare.

Ma non hanno permesso che ciò accadesse. Nicole ha detto:

“Ricordo di essere seduta in terapia intensiva neonatale con un bambino di 838 grammi e sentire tutti i bip e la macchina di supporto vitale che lo manteneva in vita.

Guardo a sinistra, guardo a destra, cerco un qualche tipo di speranza e un altro successo.”

Jibby, un soprannome per il bambino, ha miracolosamente perseverato ed è un gioioso e robusto bambino di 4 anni oggi.

Sta trionfando sull’avversità, continuamente sorprendendo i suoi genitori con il suo notevole progresso nonostante la diagnosi di paralisi cerebrale.

Ora, Nicole condivide generosamente il suo straordinario viaggio e quello di Jibby per ispirare e sostenere i genitori i cui neonati affrontano sfide simili.

Nicole riflette con orgoglio sulla sua resilienza nel navigare i tumultuosi e stressanti primi 5 mesi del viaggio di Jibby.

Tuttavia, riconosce che, guardando indietro, avrebbe voluto accogliere più apertamente il supporto che le era stato offerto e cercare conforto nel chiedere aiuto.

“Ricordo di scappare dai consulenti perché non ero pronta a parlarci. 4 anni dopo, sto ancora recuperando.

Sto solo iniziando a riempire il mio bicchiere ora che Jibby cammina e parla e va di giorno in giorno meglio,” ha detto.

Non c’è dubbio che le mamme possano fare qualsiasi cosa per i loro figli, anche se ciò significa sopportare tempi difficili con un sorriso.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Ho rifiutato di permettere ai medici di spegnere il supporto vitale di mio figlio prematuro
Il padre mantiene il segreto del piano nuziale della sposa, afferrando il patrigno in modo che entrambi possano accompagnarla lungo l’altare