“Sono la madre più felice del pianeta”: una toccante storia di un’adozione

Alcune donne, dopo lunghi tentativi infruttuosi di avere un bambino, si calmano e trovano persino aspetti positivi nella loro assenza.

Ma altri pensano che se non si può partorire, non c’è niente di sbagliato nell’adottare un piccolo.

Questo è esattamente ciò che ha fatto Vittoria, di 44 anni.

“Sono cresciuta in una famiglia numerosa e amichevole. C’erano quattro bambini in famiglia.

Pertanto, non potevo nemmeno immaginare come una famiglia possa vivere senza i piccoli. Durante il mio ultimo anno all’istituto, ho sposato un uomo molto buono.

L’unica cosa che mi dava fastidio era che era impossibile averne uno piccolo. Già tutte le mie sorelle, anche le più piccole, si erano sposate e avevano bambini.

Quasi tutto il denaro che abbiamo guadagnato è andato agli ospedali e medicinali. Ma non c’è stato alcun risultato.

Quando finalmente è diventato chiaro che non sarei stata in grado di rimanere incinta, ci è stato consigliato di usare la fecondazione in vitro.

Ed è iniziato: con la preparazione, le iniezioni, la raccolta degli ovuli, la fecondazione e l’impianto dell’embrione. Poi l’attesa: attecchirebbe, non attecchirebbe.

La prima volta il rifiuto è avvenuto proprio all’inizio. La seconda volta ero incinta di quattro interi mesi. Dopo il mio secondo perduto spontaneo, ho avuto un esaurimento nervoso.

Sono rimasta seduta tutto il giorno, fissando un punto, ho smesso di prendermi cura di me stessa e sono diventata molto grassa.

I dottori ci hanno suggerito di riprovare. Ma mio marito non ce la faceva più. Dopo sei anni di matrimonio, mi sono ritrovata completamente sola.

E ho seriamente pensato di adottarne uno piccolo. Ho iniziato a raccogliere documenti per l’adozione. E ora sono una mamma. La mamma più felice del mondo”.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

“Sono la madre più felice del pianeta”: una toccante storia di un’adozione
L’uomo con un carrello gira per il Messico per salvare cani malati e feriti