Questa nonna ha riempito oltre 500 scatole da scarpe di regali di Natale per i poveri: è una persona molto gentile

Le festività natalizie sono un momento di amore e gentilezza e Fran Clark, un’anziana signora del Regno Unito, incarna questi valori attraverso il suo progetto natalizio.

Fran ha dedicato il suo tempo e le sue risorse alla raccolta e al confezionamento di 500 scatole regalo per i rifugi che si rivolgono a senzatetto e bambini.

Crede che coloro che hanno bisogno di amare e prendersi cura di più meritino i migliori regali.

Il progetto natalizio di Fran è iniziato quattro anni fa, quando si sentiva sola e voleva fare qualcosa di significativo.

Ha messo insieme oggetti utili e belli, compresi i dolci, in scatole regalo.

Con il sostegno della sua famiglia e dei suoi amici, oltre all’amministrazione della sua casa di cura, Fran è stata in grado di conservare e incartare i regali in una stanza separata fornita dalla casa di cura.

Ha anche ricevuto scatole dal negozio di scarpe locale.

Ogni regalo costava a Fran circa 5 sterline. Ha preparato diversi articoli per adulti e bambini, inclusi vestiti, libri, giocattoli, cancelleria, prodotti per l’igiene e domino.

Fran usa i suoi risparmi per acquistare la maggior parte dei regali, ma accetta anche donazioni di beneficenza.

Le piace il processo di raccogliere le prelibatezze e avvolgere le scatole in una bellissima carta natalizia

La buona azione di Fran ha attratto altri residenti della casa di cura a offrire il loro aiuto nel suo laboratorio. Trae un incredibile piacere dal processo e non si sente più sola.

Fran ha in programma di continuare il suo lavoro a Babbo Natale dopo le vacanze e spera di riunire una grande squadra per il progetto del prossimo anno.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Questa nonna ha riempito oltre 500 scatole da scarpe di regali di Natale per i poveri: è una persona molto gentile
L’adorabile reazione del bambino di 3 anni all’essere adottato dopo 2 anni in affidamento è diventata virale