Incontra “Il pittore del Parkinson”, il 78enne che usa l’arte per ispirare il mondo

Il viaggio di Norman Greenstein come artista è una testimonianza di resilienza,

determinazione e ricerca di passioni che durano tutta la vita, nonostante le sfide che la vita pone.

Lo spirito artistico di Norman risale ai tempi del liceo, quando i suoi quaderni erano pieni di scarabocchi ed espressioni creative.

Tuttavia, un incontro scoraggiante con il preside di una scuola d’arte ha accantonato i suoi sogni artistici. Ha intrapreso invece un percorso di servizio,

arruolandosi nell’aeronautica americana durante la guerra del Vietnam, seguito da una carriera come assistente sociale e figura di spicco nella comunità ebraica.

Nel 1971, Norman ha sposato Phyllis e insieme hanno costruito una famiglia amorevole con tre figli.

Ma nel 2008, la vita ha preso una svolta inaspettata quando gli è stata diagnosticata la malattia di Parkinson, che lo ha costretto al pensionamento anticipato.

Nonostante i suoi problemi di salute, Norman è diventato un pilastro di sostegno quando Phyllis ha dovuto affrontare la sua battaglia contro il cancro al cervello.

Il risveglio artistico di Norman avviene durante un’escursione con il figlio Gabe alla Chrystal Mountain, riportandolo al mondo dell’arte.

I suoi dipinti sono diventati uno sbocco terapeutico,

non solo aiutandolo ad affrontare i sintomi del Parkinson, ma anche permettendogli di ispirare gli altri con la malattia attraverso lezioni di pittura.

Il suo viaggio alla fine ha portato a vendite d’arte e mostre in gallerie, con Norman che emergeva non come qualcuno affetto da Parkinson, ma come artista a pieno titolo.

Il suo libro di memorie, “Sputato su una tela: il viaggio del pittore del Parkinson”, scritto in collaborazione con i suoi figli, mostra la sua straordinaria storia.

Con incrollabile dedizione,

Norman destina una parte dei proventi della sua arte alle organizzazioni di ricerca sul Parkinson, sensibilizzando e raccogliendo fondi per combattere la malattia.

Il suo messaggio agli altri è chiaro: non rinunciare mai alle tue passioni, indipendentemente dagli ostacoli che affronti, e usa il riconoscimento per fare del bene nel mondo.

La vita di Norman Greenstein funge da stimolante promemoria del fatto che perseguire i propri sogni e avere un impatto positivo è possibile, indipendentemente dalle critiche e dalle sfide.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Incontra “Il pittore del Parkinson”, il 78enne che usa l’arte per ispirare il mondo
Un bambino di 11 anni ha vissuto in una tenda per un anno e ha guadagnato 50 milioni per una buona causa