Le è stato detto che non avrebbe potuto mai avere successo nello sport e ora ispira molte persone con sindrome di Down

Chelsea Werner, ex ginnasta che ora lavora come modella, sta sfatando i miti sulle persone con varie abilità perseguendo le sue aspirazioni e diventando famosa.

La sindrome di Down è una malattia genetica comune che causa ritardi intellettuali e dello sviluppo, e Chelsea è nata con essa.

I genitori di Chelsea, Ray e Lisa Werner, sono stati informati dai medici che avrebbe avuto un basso tono muscolare e avrebbe avuto difficoltà in qualsiasi esercizio fisico.

La famiglia ha fatto ricorso alla ginnastica per aiutare il Chelsea a sviluppare i suoi muscoli dopo uno scarso tentativo di calcio.

Lisa afferma: “All’inizio non avevamo aspettative. Quando riflettiamo sui suoi primi anni, in realtà non si è mostrata molto promettente,

ma dopo che abbiamo iniziato a lavorare con un allenatore, è stata trattata proprio come le altre ginnaste e le è stato dedicato il tempo necessario.

In ogni fase del percorso, siamo rimasti stupiti quando ha iniziato a migliorare così rapidamente. Semplicemente non avevamo idea che l’avrebbe perseguita nella misura in cui lo ha fatto.

Il talento iniziale del Chelsea mancava, secondo l’allenatore di ginnastica Dawn Pombo.

Nonostante i suoi limiti fisici, ha lottato per camminare da una parte e tornare indietro sulla trave di equilibrio mentre era estremamente eccitata.

La forza all’inizio rappresentava una sfida. In poche parole, i suoi muscoli mancavano di tono.

Dawn ha sfidato Chelsea ad andare oltre la sua zona di comfort perché era un’allieva più che volenterosa.

Presto stava eseguendo salti all’indietro e stava migliorando sul pavimento e sulla trave di equilibrio.

Quando il Comitato per le Olimpiadi Speciali della California del Nord ha interrotto il suo programma di ginnastica nel 2006, il Chelsea ha dovuto affrontare un nuovo ostacolo.

Le spese di allenamento e di viaggio del Chelsea devono essere coperte in qualche modo dalla famiglia. Imperturbato, Ray ha fondato Chelsea’s Quest, un’organizzazione di beneficenza

che ha contribuito alla raccolta fondi e ha permesso al Chelsea di partecipare alle competizioni delle Olimpiadi speciali come membro di una squadra di una sola persona.

Per tre anni è arrivata costantemente ultima, ma al Chelsea non importava. Quando finalmente si rese conto di cosa significasse il punteggio minore, fu a quel punto.

Ciò ha avviato un processo completamente nuovo per insegnarle che se questo è ciò che voleva ottenere, avrebbe dovuto lavorare di più se lo avesse voluto.

Come ogni ginnasta, Chelsea ha iniziato ad allenarsi duramente e i suoi sforzi sono stati rapidamente ripagati.

Ha vinto il titolo di Campionati mondiali della International Down Syndrome Foundation oltre ad altri campionati nazionali.

Ha anche preso parte ai campionati di ginnastica femminile della National Collegiate Athletic Association (NCAA) come ospite speciale.

La ragazza ha raggiunto un livello che molte persone credevano irraggiungibile dopo aver lottato in precedenza per rimanere in piedi sulla trave di equilibrio.

Il Chelsea sta attualmente portando la stessa sicurezza e perseveranza nel settore della moda. Inizialmente è stata rifiutata da alcune agenzie di moda, ma non si è persa.

Non c’è mercato per le modelle con sindrome di Down, secondo numerose aziende di modelle che ho visitato. Non mi arrendo mai, e nemmeno i miei genitori. Sto mostrando loro un mercato che esiste!

Alla fine Chelsea è stata avvistata sui social media da We Speak, che poi l’ha avvicinata.

Scegliendo modelli attraenti e sani con atteggiamenti positivi e caratteristiche distintive provenienti da tutti i ceti sociali, We Speak incoraggia la positività e l’inclusività del corpo.

Continua a spianare la strada a persone con abilità e background diversi mentre lavora a fianco di altri modelli con sindrome di Down nel settore della moda per promuovere l’inclusione.

“Non credo che ci sia una rappresentanza adeguata delle persone con sindrome di Down. Più persone prenderanno coscienza delle nostre potenzialità, più saremo rappresentati.

Chelsea ha affermato che quando le persone la vedono gareggiare in ginnastica o come modella, possono incoraggiarle a credere nelle proprie capacità.

Sento spesso genitori che dicono che offro loro una speranza per i loro figli disabili.

Da allora, ha partecipato a pubblicità per aziende come H&M, Adidas e Tommy Hilfiger e ha partecipato alla settimana della moda di New York.

Chelsea è la massima trasgressiva delle regole sportive e di stile e ci dimostra che tutto è possibile se ci metti il cuore e l’anima.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Le è stato detto che non avrebbe potuto mai avere successo nello sport e ora ispira molte persone con sindrome di Down
L’autista delle consegne si lancia nel traffico in arrivo per salvare un bambino in fuga: meraviglia