Un bambino di 11 anni ha vissuto in una tenda per un anno e ha guadagnato 50 milioni per una buona causa

A febbraio dell’anno scorso, il ragazzo di 10 anni Max Vusi

ha deciso di lasciare la sua accogliente camera da letto per montare una tenda per strada, rifiutandosi di tornare nella sua vecchia stanza.

Questa audace scelta e’ stata ispirata dalla morte del suo vicino, Rick Abbott, che gli aveva regalato la tenda e gli aveva insegnato come montarla.

Max voleva fare la differenza e ha deciso di raccogliere fondi per l’ospizio dove Rick era venuto a mancare.

La campagna di Max per raccogliere fondi per l’ospizio durante i difficili tempi della pandemia ha ottenuto un enorme sostegno.

È riuscito a raccogliere 500.000 sterline, un aiuto significativo per l’ospizio.

I genitori di Max, sebbene preoccupati, hanno sostenuto la sua impresa e sono rimasti stupiti dai numerosi messaggi di sostegno che hanno ricevuto.

Nel corso di oltre un anno, Max si è abituato alla vita da campeggiatore. Ha affrontato sfide come notti bagnate dalla pioggia, basse temperature e incontri con fagiani selvatici.

Ispirato dalle sue esperienze, Max ha continuato i suoi sforzi benefici, invitando altri ragazzi a unirsi a lui nel rinunciare

ai loro comodi letti per raccogliere fondi per Action for Children, a sostegno dei bambini colpiti dalla pandemia.

A marzo, Max ha guidato un “grande campeggio” con la partecipazione di 1.000 bambini, tra cui quelli del Nord America e di Singapore.

Quando i giornalisti gli hanno chiesto se aveva intenzione di tornare a casa, Max ha risposto con risolutezza: “Mai”.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Un bambino di 11 anni ha vissuto in una tenda per un anno e ha guadagnato 50 milioni per una buona causa
I genitori rifiutano di interrompere la gravidanza con il bambino “malformato”