Il segreto del calendario Maya è stato svelato dagli scienziati: interessante da sapere

I segreti dietro il misterioso calendario Maya di 819 giorni e le sue connessioni planetarie oltre 45 anni sono stati rivelati.

I ricercatori hanno condiviso come espandendo la durata del calendario a 20 periodi di 819 giorni si svela l’allineamento con periodi dei pianeti nel nostro universo.

Prendendo una prospettiva di 45 anni, i Maya hanno codificato l’allineamento planetario nel calendario, confondendo gli studiosi moderni per anni.

Inizialmente perplessi, il calendario di 819 giorni nella cultura Maya antica, trovato in testi glifici, si credeva fosse collegato ai movimenti planetari, in particolare ai periodi sinodici.

Tuttavia, allineare più pianeti entro uno spazio di 819 giorni sembrava illogico.

La svolta è arrivata quando i ricercatori lo hanno esaminato su 16.380 giorni, rivelando un totale di 20 linee temporali di 819 giorni.

Il punto di partenza era Mercurio, con il suo periodo sinodico di 117 giorni che si adatta perfettamente a 819. Estrapolando il numero 819, 20 cicli possono contenere tutti i pianeti chiave.

Ad esempio, il periodo sinodico di Marte di 780 giorni si abbina perfettamente a 21 periodi di 16.380 giorni.

Allo stesso modo, Venere richiede sette periodi, Saturno ne ha bisogno di 13 e Giove 39 per sincronizzarsi con i conteggi di 819 giorni.

Gli astronomi Maya hanno progettato il conteggio di 819 giorni come un sistema di calendario completo per prevedere i periodi sinodici dei pianeti visibili.

Questa visione più ampia svela le connessioni a lungo sfuggenti all’interno del calendario Maya, fornendo un’affascinante intuizione sulla conoscenza astronomica antica.

Secondo il dott. John Carlson, direttore del Centro per l’Archeoastronomia, il collegamento Maya con la famigerata previsione apocalittica del 2012 è stato un completo fraintendimento fin dall’inizio.

Contrariamente alla credenza popolare, il calendario Maya non è finito il 21 dicembre del 2012, e non c’erano profezie Maya che prevedevano la fine del mondo in quella data.

La verità è che il calendario Maya semplicemente segnava l’inizio di un nuovo periodo planetario nel 2012, non un’apocalisse come ampiamente ipotizzato.

La vita senza misteri sarebbe indubbiamente noiosa.

L’attrattiva dell’ignoto, dell’inexplicabile e dell’enigmatico aggiunge un senso di eccitazione e meraviglia alla nostra esistenza.

I misteri accendono la nostra curiosità, spingendoci ad esplorare e scoprire nuovi campi di conoscenza e comprensione.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Il segreto del calendario Maya è stato svelato dagli scienziati: interessante da sapere
“Gonfie e rughe profonde”: com’è adesso la prima bellezza di Hollywood