Le bambole con vitiligine: l’artista crea giocattoli per sostenere i bambini con questa malattia

Accettare la mancanza di apparenza non è un compito facile, soprattutto per bambini e adolescenti.

L’artista  artigiana britannica Crystal Kay ha deciso di aiutare i bambini ad acquisire fiducia in se stessi.

La donna crea giocattoli unici: bambole Barbie con colori della pelle insoliti.

Quindi, i suoi giocattoli hanno la vitiligine, a causa della quale la pelle è ricoperta da macchie di pigmento multicolori.

Le bambole con una pelle insolita assomigliano alle persone reali che soffrono di questa malattia.

L’obiettivo della creatrice di bambole è dimostrare che la bellezza può essere insolita e differire dagli standard generalmente accettati.

Se si guarda i giocattoli di Crystal, si noterà che non sono meno belle delle Barbie tradizionali.

Una piccola caratteristica sotto forma di macchie sulla pelle non rovina affatto le bambole.

Al contrario, ai bambini piacciono molto questi giocattoli, soprattutto quelli che hanno già familiarità con il problema del virus della vitiligine.

“Con le mie opere voglio dimostrare al pubblico che la bellezza non è “fabbricata”. Non dovrebbe essere standard, perché sembrerà terribilmente noioso.

I bambini che hanno le macchie di vitiligine sul viso e sul corpo sono belli quanto i bambini completamente sani”, ha detto l’artista.

L’idea di Crystal è piaciuta a migliaia di genitori, così come ai produttori di giocattoli per bambini.

Le opere dell’artista sono già state esposte in numerosi negozi. Vengono acquistati spesso perché tali bambole non sono solo giocattoli.

A differenza di Barbie, le bambole Crystal aiutano i bambini ad acquisire fiducia in se stessi e ad accettare il proprio aspetto.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Le bambole con vitiligine: l’artista crea giocattoli per sostenere i bambini con questa malattia
Un padre perde 35 chili per diventare donatore di rene per suo figlio: una storia commovente