Questa donna inglese ha trovato la sua vocazione e ha riciclato più di 2.000 libbre di spazzatura

Una donna inglese ha trovato la sua vocazione e ha riciclato più di 2.000 libbre di spazzatura dopo aver allestito

un punto di raccolta nel suo capanno da giardino in cui le persone possono lasciare oggetti che i netturbini non raccolgono.

Liz Pinfield-Wells ha costruito il centro di riciclaggio fai-da-te dopo la nascita del suo terzo figlio dopo aver appreso che non poteva riciclare i suoi sacchetti di cibo per bambini.

Insieme alle buste, alcuni imballaggi per alimenti e persino gli spazzolini da denti sono stati tutti esclusi dal servizio di riciclaggio sul marciapiede della sua città.

Ispirata ad agire, ha allestito un punto di raccolta alla fine del suo vialetto nella città di Dawley, nello Shropshire, e ha incoraggiato il pubblico a lasciare i propri oggetti riciclati misti.

Da quando ha iniziato il suo progetto verde quattro anni fa, Liz ha riciclato 1.200 libbre (1.200 kg) di spazzatura suddivisa tra

30 diverse categorie di rifiuti riciclabili che non vengono raccolti dalla raccolta dei rifiuti e ha raccolto migliaia di rifiuti per la sua comunità locale nel processo.

“La nostra famiglia ha sempre fatto il possibile, dove possiamo come famiglia per aiutare a ridurre la nostra impronta di carbonio

e riciclare il più possibile”, ha detto Liz, aggiungendo che dozzine di residenti lasciano la spazzatura nel suo capannone.

Ogni mese spedisce la spazzatura in sacchetti sottovuoto a TerraCycle, un’azienda che la sminuzza in piccoli pellet di plastica da trasformare in altri oggetti come annaffiatoi e panchine.

Il peso della spazzatura viene quindi convertito in punti denaro che possono essere versati due volte l’anno a un’organizzazione benefica o sportiva di sua scelta.

Negli ultimi tre anni, Liz ha raccolto più di 1.000 sterline che ha donato al gruppo di ginnastica della figlia 14enne Zoe per acquistare nuove attrezzature.

Ha anche donato una somma di denaro a un altro ente di beneficenza locale per acquistare trucioli di legno per il loro orto comunitario.

Tra gli oggetti comunemente depositati nel capannone ci sono involucri di cera per il pane, imballaggi per l’igiene domestica,

involucri di plastica per il pane, sacchetti di formaggio, penne, guanti di gomma, inchiostro per stampanti e francobolli usati, nessuno dei quali viene riciclato tramite il comune.

“Prendiamo anche i tubi Pringles, e questi articoli contengono metallo e plastica, quindi non dovrebbero davvero essere messi nel cestino [sul marciapiede]”, ha detto.

“A volte può sembrare un po’ scoraggiante sapere da dove cominciare con il riciclaggio, ma ad ogni piccolo passo diventa un po’ più facile.”

“Penso decisamente che abbia contribuito a sensibilizzare i miei figli sulla necessità di riciclare di più”.

Liz ha aperto un gruppo Facebook per il suo capannone di riciclaggio eco-hub, che ora conta più di 1.000 membri.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Questa donna inglese ha trovato la sua vocazione e ha riciclato più di 2.000 libbre di spazzatura
Nessun mistero qui: una figlia regala alla madre una libreria restaurata piena di libri d’epoca